Studi Ambientali Associazione europea di studi per la tutela dell ambiente

Login
A+ R A-

Ri -PARTIRE DALLA SOSTENIBILITA’ AMBIENTALE DELLE COSTRUZIONI

Sostenibilità ambientale delle costruzioni


Pubblicato Il Regolamento Tecnico RT-33 ACCREDIA per l'accreditamento degli Organismi di Ispezione.


È stato approvato da ACCREDIA il Regolamento Tecnico RT-33 recante "Prescrizioni per l'accreditamento degli Organismi di Ispezione di tipo A, B e C ai sensi della norma UNI CEI EN ISO/IEC 17020 in conformità al Protocollo ITACA".

Il Regolamento dà attuazione all'intesa - sottoscritta da ACCREDIA e ITACA con l'avallo della CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME - per la promozione delle certificazioni, rilasciate sotto accreditamento, che contribuiscono ad implementare le politiche regionali per la sostenibilità ambientale degli edifici.


Il Regolamento Tecnico, che definisce un sistema di ispezione, coordinato ed integrato sia con i sistemi di certificazione regionali, già attivi sul territorio e basati proprio sul Protocollo ITACA, sia con il sistema di normazione tecnica (UNI e CEN), è stato elaborato da un apposito Gruppo di lavoro coordinato da ACCREDIA ed ITACA.

Il Regolamento prevede, tra l'altro, la creazione di un Registro pubblico nazionale per monitorare l'intero processo di certificazione e tracciare i certificati con un apposito codice identificativo, che permetterà anche di mappare tutti gli interventi realizzati con il Protocollo ITACA sull'intero territorio nazionale.


L'evoluzione della normativa relativa alla qualità delle nuove costruzioni e la maggiore sensibilità verso un'edilizia sostenibile hanno generato una crescente richiesta di garanzia sulle prestazioni degli edifici e sulla realizzazione delle infrastrutture, ottenibile anche attraverso il controllo dei consumi energetici e dei materiali impiegati, così come delle emissioni in atmosfera e della gestione dei rifiuti. Per quanto riguarda il settore delle costruzioni ed in modo più generico, l’ambito dell’edilizia, il concetto di “sostenibilità” è relativamente “giovane”.

È applicato sistematicamente al campo delle costruzioni, infatti, solo dal 1993, in primo luogo per individuare la responsabilità dell’industria delle costruzioni nel conseguimento della sostenibilità ambientale.

Oggi invece, è necessario  l’approccio ad una diversa visione della costruzione sostenibile, di cui non si considerano più solo gli aspetti per così dire “classici” in rapporto alla questione ambientale ma si rende necessario valutare:

-    il consumo di risorse energetiche e idriche
-    la produzione di rifiuti
-    la salubrità dello spazio interno
-    l’uso sostenibile di risorse naturali
-    l’impiego di materiali eco-compatibili


Accanto a questi si ritrovano anche filoni di ricerca che allargano l’orizzonte degli studi verso campi trasversali e che considerano il prodotto dell’attività costruttiva in rapporto al contesto non solo ambientale ma anche storico- economico e sociale, offrendo una visione “globale” della sostenibilità delle costruzioni. In tale ottica si possono inquadrare le ricerche sulla sostenibilità nel recupero edilizio, sulla definizione di riferimenti chiari e precisi del progetto eco-compatibile, sulla definizione di strumenti oggettivi di valutazione della loro eco-compatibilità, dei processi normativi e gestionali ad esso collegati, e più in generale sulle nuove strategie di progetto.


SCARICA IL REGOLAMENTO